Regione Piemonte

Carta d'identità elettronica (C.I.E.)

Ultima modifica 5 febbraio 2019

La Città di COSSATO ha dato avvio al rilascio della Carta d’Identità Elettronica (C.I.E.), che sostituisce definitivamente e sin da subito il formato cartaceo.

La C.I.E. è principalmente un documento di identificazione: consente di comprovare in modo certo l’identità del titolare, tanto sul territorio nazionale quanto all’estero. È realizzata in materiale plastico, dalle dimensioni di una carta di credito e dotata di sofisticati elementi di sicurezza e di un microchip a radiofrequenza (RF) che memorizza i dati del titolare.

La C.I.E. può essere richiesta presso il proprio Comune di residenza o presso il Comune di dimora alla scadenza della propria Carta d’identità (o in seguito a smarrimento, furto o deterioramento) e verrà spedita direttamente al cittadino entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta, presso il Comune o presso un indirizzo indicato.

Si invitano tutti i cittadini a verificare la scadenza del proprio documento di identità provvedendo per tempo a richiedere il nuovo rilascio, perché non sarà più possibile rilasciare la carta d’identità cartacea, salvo i casi di reale e documentata urgenza segnalati dal richiedente per motivi di salute, viaggio, consultazione elettorale e partecipazione a concorsi e gare pubbliche e nel caso in cui il cittadino sia iscritto nell'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE), così come indicato nella Circolare ministeriale n. 4/2017.

Il rinnovo è possibile già nei 180 giorni che precedono la scadenza.

Il costo della CIE è di € 21.50, pagabili esclusivamente tramite POS (Carta di Pagamento).

Il costo del duplicato della C.I.E. è di € 26,00.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito: http://www.cartaidentita.interno.gov.it oppure rivolgersi all’Ufficio Servizi Demografici del Comune di Cossato.

VALIDITÁ

La Carta di identità elettronica può essere richiesta in qualsiasi momento e la sua durata varia secondo le seguenti fasce d’età di appartenenza:

  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

Le carte d’identità in formato cartaceo ed elettronico rilasciate fino all’emissione della CIE mantengono la propria validità fino alla scadenza (art. 18 del. D.M. del 23 dicembre 2015) .

Modalità di Richiesta e Rilascio

Fototessera recente (non più di sei mesi). Questa potrà essere cartacea o digitale caricandola su chiavetta USB e dovrà essere in formato .jpg e rispettare le indicazioni di cui al seguente link

Codice fiscale o tessera sanitaria (al fine di velocizzare le attività di registrazione)

Vecchio documento in scadenza/scaduto/deteriorato. In caso di furto o smarrimento è necessario presentare copia della denuncia di furto o smarrimento.

Nel caso in cui il richiedente la CIE sia genitore di minori è necessario che presenti anche dichiarazione di assenso all’espatrio sottoscritta dall’altro genitore o esercente la responsabilità genitoriale, ai sensi della legge n. 1185 del 1967. In alternativa è necessario fornire l’autorizzazione del giudice tutelare. L’assenso ovvero l’autorizzazione del giudice devono essere presentati anche nel caso in cui la richiesta di emissione del documento riguardi il minore.

È prevista la rilevazione delle impronte digitali per ciascun cittadino di età maggiore o uguale a 12 anni. Le impronte digitali (due) verranno scritte in sicurezza all’interno della propria CIE e non depositate in nessun altro luogo, secondo le modalità consultabili a questo indirizzo “Modalità di acquisizione impronte”.

Durante la compilazione dei dati è prevista anche la possibilità per il cittadino maggiorenne di consentire o negare la propria adesione per la donazione degli organi e/o tessuti in caso di morte. Facendolo si verrà automaticamente inseriti nell’apposito registro dei donatori. (art. 3 T.U.L.P.S. emanato con R.D. n. 773/1931; linee guida adottate dal Ministero dell’interno congiuntamente al Ministero della salute ed inviate alle SS.LL. nota 0002128 del 29/7/2015).

Nel caso di impossibilità del cittadino a presentarsi allo sportello del Comune a causa di malattia grave o altre motivazioni (reclusione, appartenenza ad ordini di clausura, ecc.), un suo delegato (ad es. un familiare) deve recarsi presso il Comune con la documentazione attestante l’impossibilità a presentarsi presso lo sportello. Il delegato dovrà fornire la carta di identità del titolare o altro suo documento di riconoscimento, la sua foto e il luogo dove spedire la CIE. Effettuato il pagamento, concorderà con l’operatore comunale un appuntamento presso il domicilio del titolare, per il completamento della procedura.

Al termine della procedura verrà rilasciata una ricevuta. Il cittadino riceverà la C.I.E. all’indirizzo indicato entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta. Una persona delegata potrà provvedere al ritiro del documento, purché le sue generalità siano state fornite all’operatore comunale al momento della richiesta.